Il Mare International Bookshop

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

facebook
Facciamo amicizia?

48 ore

Civiltà egee alla scoperta dell'Occidente

viaggi, esplorazioni, colonizzazioni

di Frasca Massimo, Palermo Dario

192 pagine ISBN: 978889916840
Anno di pubblicazione: 2019

Il mare Egeo è stato la culla di fiorenti civiltà, come quella minoica, la più antica civiltà urbana dell'Occidente, caratterizzata da una forte componente di estrazione anatolica che da Creta si è irradiata alle terre circostanti, contribuendo alla formazione della civiltà micenea. La proiezione sulle coste egee dell'Asia Minore di Frigi, Lidi, Persiani, eredi delle grandi civiltà anatoliche e orientali ha suscitato l'incontro-scontro con le diverse stirpi greche, Eoli, Ioni, Dori che le abitavano. In particolare, le fiorenti città di Cuma, Focea e Smirne hanno ricavato grandi vantaggi economici dalla felice ubicazione alla foce del fiume Ermo, uno dei principali fiumi dell'odierna Turchia, che consentiva l'accesso alle risorse minerarie dell'entroterra anatolico. Le tre città, oltre che dalla loro vicinanza fisica, furono legate sin dalla loro nascita da un saldo intreccio di tradizioni mitiche e di avvenimenti storici. Al centro di questo intreccio era Cuma eolica che svolse un ruolo rilevante anche nei rapporti con l'Occidente, partecipando con i Calcidesi dell'Eubea alla fondazione di Cuma in Campania, la più antica colonia greca dell'Ovest mediterraneo. Più tardi, verso la fine del VII secolo a.c., ha inizio la navigazione verso l'estremo Occidente dei Focei che intrattennero intensi rapporti con Tartesso, in Spagna, in una regione già conosciuta e abitata dai Fenici. La colonizzazione focea in Occidente si dispiegò soprattutto nel VI secolo a.c. con la fondazione dell'odierna Marsiglia sulla costa meridionale della Gallia e di Elea in Campania. Ancora nel VII secolo si colloca la fondazione della colonia rodio·cretese di Gela sulla costa meridionale della Sicilia, lungo la rotta marittima battuta già dai commercianti micenei e fenici , che dal Levante giungevano nella costa sud siciliana, possibile punto di partenza per la Sardegna e il lontano Occidente alla ricerca di materie prime. La fondazione di Gela si colloca alla fine di un lungo processo di rapporti e di scambi che ha le sue radici nei rapporti storici e mitici sottintesi nella saga che coinvolse il re cretese Minosse che, inseguendo Dedalo fuggito da Creta e accolto dal re sicano Kokalos, trovò la morte proprio nella terra del Sicani.

Lo trovi in: LIBRI > ARCHEOLOGIA GENERALE


Sharing



Se hai scelto questo articolo allora sei interessato anche a:



patente nautica
Manutenzione della barca
carte nautiche
Istituto idrografico della marina carte nautiche
Carte nautiche ammiragliato britannico
Shom carte nautiche
Imray carte nautiche
-
il marinaio e il monaco
-
marineria dell'elba vanagolli