Il Mare International Bookshop

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

facebook
Facciamo amicizia?
vacanze ordini sito

7 giorni

Grotta sepolcrale eneolitica di San Giuseppe all'isola d'Elba

di Cremonesi Giuliano

276 pagine ISBN: 9788800078
Anno di pubblicazione: 2001

La Grotta San Giuseppe è una delle cavità naturali utilizzate a scopo sepolcrale durante l'eneolitico nella regione toscana: vi furono seppelliti, verso la fine del III millennio a.C., almeno 90 individui con ricchi corredi di vasi, cuspidi in selce e diaspro, e alcuni manufatti in rame, lame di pugnale, lesine. La tipologia dei vasi fa rientrare tutto il complesso nell'ambito della cultura di Rinaldone, cui si ricollega soprattutto per la presenza cospicua di fiaschi e di vasi ellissoidali e biconici, decorati con bugne e segmenti di cordoni lisci. Alcuni caratteri particolari, quali le basi piatte e la presenza delle decorazioni plastiche portano a confrontare il gruppo della San Giuseppe con altri complessi databili appunto alla fine del III millennio. Un elemento che differenzia invece questo complesso è la presenza, piuttosto abbondante, di ciotole carenate e di tazze con alta ansa a nastro sormontata da appendice a bottone, per cui sono riscontrabili analogie in contesti ormai alle soglie dell'età del bronzo. I manufatti metallici rientrano anch'essi nell'ambito rinaldoniano, soprattutto i pugnali a codolo del tipo Guardistallo e così pure le cuspidi di freccia di accurata fattura. A tale ricchezza documentaria non fa però riscontro, purtroppo, una situazione che permetta di ricostruire la composizione di corredi; ciononostante è stato possibile individuare un complesso funerario totalmente omogeneo e dotato di una particolare ricchezza di vasellame: è probabile che si trattasse di un gruppo di genti collegabili ai rinaldoniani della terraferma e stanziate all'Elba per attività di sfruttamento delle risorse minerarie relative al rame, presente proprio nella zona di Rio Marina. Le analisi antropologiche, paleopatologiche e paleonutrizionali indicano la presenza di gruppi indigeni in cui lieve è l'apporto allogeno dalla sfera meridionale del Gaudo. Le faune rinvenute in gran quantità nel deposito, sembrano essere piuttosto riferibili a momenti successivi di frequentazione della grotta, durante l'età del bronzo.

Lo trovi in: LIBRI > ARCHEOLOGIA GENERALE


Sharing



Se hai scelto questo articolo allora sei interessato anche a:



patente nautica
Manutenzione della barca
carte nautiche
Istituto idrografico della marina carte nautiche
Carte nautiche ammiragliato britannico
Shom carte nautiche
Imray carte nautiche
-
il marinaio e il monaco
-
marineria dell'elba vanagolli