Guida dei crostacei decapodi d'Europa

Guida dei crostacei decapodi d'Europa

Falciai Lucia, Minervini Roberto


  • Non disponibile, richiedi informazioni sulla disponibilità
  • Possibilità di reso entro 10 giorni lavorativi
  • Transazione sicura con carta di credito, Paypal o bonifico bancario
  • Spedizione tracciata con SDA

Articolo non disponibile, richiedi informazioni sulla disponibilità.

L’enorme interesse per una sempre migliore conoscenza della natura e dei suoi meccanismi di funzionamento ha portato in questi ultimi decenni a una “fioritura” di studi, reperti e pubblicazioni a carattere scientifico e divulgativo. I Crostacei Decapodi, nel nostro caso, oltre a essere animali affascinanti e “belli” e ad avere “instaurato” dei rapporti con l’umo soprattutto per motivi alimentari, sono molto diffusi in natura e apprezzati in tutto il mondo. Non si riusciva quindi a comprendere la mancanza di un testo di questo genere, idoneo a farli meglio conoscere. Certo, i Crostacei Decapodi non sono animali facili da riconoscere e spesso anche il “tecnico” ha le sue difficoltà... ma questo fa parte del gioco. La natura, forse proprio per far dannare i sistematici, differenzia e modella le specie con gradualità e pazienza e così, con due spinette qua e un pò più di setole là, ecco nata una nuova specie. Tutto questo farebbe dei tassonomi dei puntigliosi perdigiorno se a quelle spinette e a quelle setole, a quella specie insomma, non corrispondesse un habitat e/o un comportamento che la differenzia dai consimili e ne fa un importante tassello del mosaicoambiente. Ben vengano quindi opere come questa guida e “grande merito” sia riconosciuto al paziente e meticoloso lavoro di chi ha dovuto raccogliere e “collocare” tassonomicamente animali la cui sistematica, per complicare le cose, è così grandemente variata negli ultimi anni.
Ean / Isbn
978887021557
Pagine
288
Data pubblicazione
01/01/2012