Isole

Isole

Holm Bill


  • Articolo raro, richiedi informazioni sulla disponibilità
  • Possibilità di reso entro 10 giorni lavorativi
  • Transazione sicura con carta di credito, Paypal o bonifico bancario
  • Spedizione tracciata con SDA

Articolo raro, richiedi informazioni sulla disponibilità.

«Un'isola non dev'essere necessariamente molto lontana dalla riva o molto grande per realizzare la sua vera funzione: stringerci in un cerchio d'acqua e recidere per un po' i legami che ci tengono avvinghiati alla nostra vita». Così scrive Bill Holm per spiegare il concetto di insularità che sta alla base di Isole, e cioè che le isole offrano allo scrittore, al lettore e a chiunque desideri esprimere se stesso liberamente una buona occasione per meditare e pensare al proprio posto nel sistema-mondo. Un libro che non vuole essere un trattato di geografia, di biologia insulare o di etnografia, ma pittosto un'indagine all'interno dell'intuizione di insularità come fatto allo stesso tempo reale e metaforico. La narrazione si snoda quindi come un'affascinante navigazione che fa scalo in alcune isole geografiche, puntini di terra più o meno ospitale circondati da mari più o meno esotici, e in altre che l'autore definisce, invece, isole «segno», accadimenti spirituali, stati di consapevolezza, momenti dell'esperienza umana. E così il lettore si trova a sbarcare pieno di incanto a Isla Mujeres, striscia di terra nel mar dei Caraibi, sacra all'enigmatica e sensuale divinità maya della fertilità; a visitare Moloka'i, l'isola delle Hawaii un tempo usata come lebbrosario e riscattata moralmente dalla figura di un prete missionario impetuoso e combattivo; a soggiornare a lungo in Islanda, la terra degli avi eletta da Holm ad archetipo, roccia vulcanica invasa dal ghiaccio, terra dei fiordi e delle saghe, degli uccelli marini e della letteratura orale; a vagabondare tra le strade del Madagarscar, luogo mitico dei cultori della musica in cui la gente può addirittura ascoltare per ore qualcuno che parla in una lingua incomprensibile solo per il piacere della musicalità delle parole; a conoscere Mallard, minuscola isola lacustre sul confine acqueo statunitense-canadese ed emblema dell'amore per i libri. Ma viene contemporaneamente sospinto verso le isole metaforiche dell'infanzia, dell'età, della morte, del dolore, della reclusione, dell'esperimento, del magico, dell'isolamento, persino della musica e dell'immaginazione.
Autore
Ean / Isbn
978888246441
Pagine
342
Data pubblicazione
01/03/2002