Turchi e Barbareschi all'Elba e nell'Arcipelago Toscano 1501-1595

storia e memoria storica popolare

Turchi e Barbareschi all'Elba e nell'Arcipelago Toscano 1501-1595

storia e memoria storica popolare

Vanagolli Gianfranco


  • Disponibile in 7 giorni
  • Possibilità di reso entro 10 giorni lavorativi
  • Transazione sicura con carta di credito, Paypal o bonifico bancario
  • Spedizione tracciata con SDA

€ 15,00
Fu forse nel 1501 che, per la prima volta nel secolo XVI, una squadra navale turca risalì tanto il Mar Tirreno da portarsi fino all'altezza dell'Arcipelago Toscano. Invero, oltre a quella citata, non cono sciamo altre fonti in grado di confermare l'episodio, che si sarebbe concluso con la devastazione di Piano sa, ma è un fatto che, proprio a partire dagli albori del secolo, le rotte, anche le più alte, del Mediterraneo occidentale e le stesse coste, dalla Calabria alla Liguria alla Provenza alla Catalogna, e le isole, dalla Sicilia alla Corsica all'Elba alle Baleari, cominciarono ad essere minacciate con sempre maggior frequenza e pericolosità dalle navi del la Grande Porta. Esse recavano sulle loro prue lo slancio espansionistico di un impero che, dopo aver definitivamente piegato, nel 1453, l'orgoglio di Costantinopoli e conquistato gran parte della penisola balcanica e la Grecia, si proiettava, ora, verso nuovo orizzonti. La risorta aggressività ottomana, destinata a sottomettere entro il 1522 la Siria, l'Egitto e l'isola di Rodi, coinvolse ben presto i potentati islamici dell'Africa del nord, sorti nel Medio Evo e tradizionalmente dediti alla guerra di corsa e alla pirateria.
Ean / Isbn
978888583330
Pagine
144
Data pubblicazione
20/07/2018