Sconfitta del Mediterraneo

Venezia e Istanbul: incontri e scontri, da Carlo V alla guerra di Candia 1519-1669

Sconfitta del Mediterraneo

Venezia e Istanbul: incontri e scontri, da Carlo V alla guerra di Candia 1519-1669

Sampoli Leonardo


  • Disponibile in 7 giorni
  • Possibilità di reso entro 10 giorni lavorativi
  • Transazione sicura con carta di credito, Paypal o bonifico bancario
  • Spedizione tracciata con SDA

€ 16,00
Il 30 aprile 1645, la flotta imperiale radunata di fronte alla riva di Galata a Istanbul salpò sotto lo sguardo dei dignitari di corte, degli ambasciatori e di una folla assiepata sui colli della città, oltre il Corno d'Oro, per assistere allo spettacolo che in passato era avvenuto molte volte ma ormai ricordato solo dai più anziani. Come di consueto il sultano rivolse alle schiere in partenza il tradizionale saluto “Ci rivedremo alla Mela Rossa”, il motto che in passato alludeva all'Occidente e in particolare all'agognata conquista del suo centro, prima Roma e più tardi Vienna, a quanto si diceva. Gli osservatori stranieri, che nei mesi precedenti avevano notato gli intensi lavori nell'arsenale e nella fabbrica delle armi, si chiedevano quale potesse essere la precisa meta delle galee che scomparivano in direzione dei Dardanelli: Malta, Corfù, la Sicilia oppure Candia, l'ultimo possedimento della Serenissima, nonostante che con quest'ultima l'Impero Ottomano si trovasse in pace da ben settanta anni. La guerra di Creta sconvolse il Mediterraneo per ventiquattro anni e probabilmente contribuì a portare a conclusione il lungo periodo centrale della storia veneto-ottomana. Lo studio è mosso dall'intento di delinearne i tratti salienti alla luce del corso della politica internazionale, dall'inizio del Cinquecento con lo scontro tra l'imperatore Carlo V e il re di Francia Francesco I.
Ean / Isbn
978887145356
Pagine
272
Data pubblicazione
04/11/2016